fbpx

La mattanza

mattanza-pesca-del-tonno-rosso-provincia-di-trapani-tonnara-ancore-bonagia

Una tradizione cruenta: la pesca del tonno rosso

Tipica della provincia di Trapani, la mattanza (letteralmente “massacro”) è una pratica antichissima, legata alla tradizionale pesca del tonno rosso. 

Le origini e la storia

La nascita della mattanza ha origini antichissime, risalenti agli uomini primitivi che per primi si stanziarono lungo i litorali e che si dedicarono, soprattutto, alla pesca di quelle specie ittiche che vivevano in aggregazione come i tonni e la cui presenza si concentrava in zone della costa in cui l’acqua era più bassa, condizione favorevole alla deposizione delle uova.

Con il perfezionamento delle tecniche e la conoscenza delle rotte migratorie di questi grandi pesci, la pesca del tonno iniziò a diffondersi in tutto il Mediterraneo, diventando una vera e propria fonte di sostentamento per gli abitanti che vivevano sulla costa. Il mare antistante la provincia di Trapani per secoli fu scenario di mattanze.

mattanza-pesca-del-tonno-rosso-bonagia-trapani-imbarcazioni

Il lavoro dei tonnaroti iniziava ad Aprile, quando dalle tonnare di Trapani, Favignana, Bonagia, Scopello e San Vito lo Capo, prendevano il largo per mettere in mare le reti che formavano delle “camere” che, per la loro particolare disposizione, spingevano i tonni ad addentrarsi sempre più verso l’interno di questa struttura a maglie, fino ad arrivare alla “camera della morte”. Nel mese di Maggio, quest’ultima veniva accerchiata da particolari barche, sulle quali venivano tirate poco a poco i lembi esterni delle reti, fino a fare affiorare i tonni che venivano trascinati sulle barche con grandi arpioni.

La mattanza e le antiche tonnare trapanesi oggi

Dal 2007, anno in cui si tenne l’ultima mattanza a Favignana, le tonnare sono rimaste inutilizzate: alcune sono state dismesse; alcune sono state abbandonate e, divenute ruderi, versano in uno stato di totale degrado; in alcuni casi, sono diventate musei o trasformate per ospitare attività totalmente diverse.

Nel trapanese, ad oggi, è ancora attiva soltanto la tonnara di San Cusumano, rilanciata dall’imprenditore trapanese Nino Castiglione.

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

In evidenza

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Natura E Svago

Su una sdraio in riva al mare o immersi nella frescura degli alberi; aggrappati ad una parete rocciosa o spinti dal vento tra le onde del mare…che si preferisca la natura, lo sport, il divertimento o il relax, qui concedersi la vacanza “ideale” è possibile. Scopri i luoghi e le attività che puoi svolgere sul nostro territorio e investi nel migliore dei modi il tuo tempo, per un soggiorno indimenticabile.

Itinerari

Natura, arte, storia, enogastronomia…Crocevia di dominazioni che si sono succedute nei secoli, lasciando magnifiche testimonianze del loro passaggio, la nostra terra offre molteplici spunti di lettura, alla scoperta di un territorio piuttosto vario. Non perdere gli itinerari consigliati!

Patrimonio Culturale

Culla di civiltà, popoli e culture…ogni scorcio della nostra terra narra di storie, miti e leggende che spesso si intrecciano al punto da non riuscire a capire cosa sia vero e cosa no. Dai siti archeologici, testimonianza delle prime dominazioni, ai borghi medievali; dai sistemi di fortificazione all’architettura del Novecento, sono davvero tante le testimonianze del passato, oggi divenute meta di turisti provenienti da tutto il mondo.

Tipicità

Il sapore inconfondibile dei prodotti tipici; i profumi e i colori delle tavole imbandite che raccontano di tradizioni tramandate; la manualità dei nostri artigiani e la bellezza dei loro manufatti…un viaggio dentro il viaggio che ogni turista non può fare a meno di vivere per scoprire, fino in fondo, la vera essenza della nostra Sicilia.